Iniziativa pubblica nel progetto di Sorveglianza sanitaria ai lavoratori ex esposti ad amianto

Il progetto di sorveglianza sanitaria di lavoratori ex-esposti ad amianto, inserito nel Piano Integrato di Salute 2006-2008 e avviato nel 2007, è giunto alla conclusione della prima fase, durante la quale sono stati invitati a colloquio presso le strutture del Dipartimento gli ex lavoratori delle aziende Enel e Isolver, residenti nei Comuni della zona Alta Val di Cecina. Le due aziende si erano impegnate a collaborare alla realizzazione del progetto attraverso la sottoscrizione, nel settembre del 2008, di un protocollo d’intesa finalizzato a definire gli impegni dei diversi soggetti coinvolti.

Leggi tutto: Iniziativa pubblica nel progetto di Sorveglianza sanitaria ai lavoratori ex esposti ad amianto

Servizio di sostegno psicologico in Assistenza Domiciliare Oncologica

Avrà avvio con il mese di Aprile il servizio di sostegno psicologico in Assistenza Domiciliare Oncologica.

La Giunta della Società della Salute dell’ Alta Val di Cecina  ha recentemente approvato il  progetto, predisposto dalla U.O. Hospice ADI-Cure Palliative della Azienda USL 5 di Pisa, volto a garantire sostegno psicologico ai malati oncologici in ADI, oltre che ai loro familiari, agli operatori e ai volontari che offrono la loro preziosa assistenza.

Leggi tutto: Servizio di sostegno psicologico in Assistenza Domiciliare Oncologica

Cresce la rete per il welfare locale

Rete telematiche, che consentano ai cittadini di esercitare in modo più semplice il diritto alla salute, ma anche reti di figure dedicate, al fianco di assistenti sociali e operatori sanitari, per aiutare la popolazione ad orientarsi più facilmente. Ruota attorno a questi due fuochi il progetto delle reti sociali a sostegno del welfare locale, soprattutto quello delle aree più disagiate e dei comuni montani, sostenuto dalla Regione Toscana. La Società della Salute Alta Val di Cecina ha deciso di sostenere con forza il rinnovo del progetto e giovedì 28 gennaio 2010 il Presidente Marco Buselli, a Firenze presso la Sala Pegaso di Piazza Duomo, ha sottoscritto l’accordo che consentirà la prosecuzione del progetto per l’anno 2010.

Leggi tutto: Cresce la rete per il welfare locale

Giovani e musica in Alta Val di Cecina

La Società della Salute dell’Alta Val di Cecina, nell’ambito degli interventi per le Politiche Giovanili finanziati dalla Regione Toscana, promuove il Progetto “Giovani e Musica in Alta Val di Cecina”.

Il Progetto, realizzato con la collaborazione dell’Accademia della Musica Città di Volterra, consiste in una serie di laboratori musicali pensati per creare un momento di contatto tra i giovani artisti e chi fa musica a livello professionale. Il progetto vuole offrire un'occasione di crescita e di confronto con chi può da un lato insegnare raccontando la propria esperienza e dall'altro coinvolgere i partecipanti in un percorso personale, creativo e stimolante.
I laboratori saranno tenuti da professionisti del settore e da docenti che insegnano all’interno delle scuole di musica presenti sul territorio.

Leggi tutto: Giovani e musica in Alta Val di Cecina

Costruiamo insieme un nuovo futuro

Giornata pubblica di presentazione del Progetto “Costruiamo insieme un nuovo futuro…
 
Volterra, Centro Studi Santa Maria Maddalena, 19 giugno 2009

CF_locandina.jpgCostruiamo insieme un nuovo futuro…” è un Progetto che nasce per permettere ai giovani disabili, che abitano nella zona alta Val di Cecina, di sperimentare concretamente, in maniera graduale e in un contesto di quotidianità, che cosa vuol dire vivere senza i genitori, imparando ad interagire in una casa dove trascorrere in piccoli gruppi periodi definiti e programmati. Un modo per provare a gestire le attività che normalmente si svolgono in una casa: preparare le stanze, rifare i letti, fare la lista della spesa, uscire per gli acquisti, cucinare, prendere i mezzi pubblici, organizzare il tempo libero che spesso è gestito dalla famiglia, acquisendo abilità minime necessarie per la conquista dell’autonomia anche al di fuori delle mura domestiche.
 
Pensiamo che il Progetto “Costruiamo insieme un nuovo futuro…” possa avere un ruolo fondamentale per le persone disabili come passaggio tra la vita in famiglia e la vita indipendente, che non deve necessariamente essere legata alla perdita improvvisa della famiglia d’origine.




 

Leggi tutto: Costruiamo insieme un nuovo futuro